Una striscia di terrazzo

di Lucia Riccardi

L’Oleandro sofferente.

Dieci anni fa compravo un appartamento all’ultimo piano, con un
terrazzo lungo e stretto esposto a nord. Nella sua sproporzione (1.5
m x 15 m), quel terrazzo sembrava un corridoio sospeso sui tetti.
Con l’obiettivo di renderlo accogliente, mi avvicinavo così al
mondo delle piante.

Accostandomi al giardinaggio, commettevo gli errori di tutti i
principianti: lo shopping selvaggio nei vivai, la presunzione di
coltivare ogni specie anche delicata, la disattenzione negli
abbinamenti, la superficialità, la fretta.

Un episodio per tutti: pagai una cifra esagerata per un oleandro di
cui nemmeno conoscevo il colore dei fiori. Un oleandro sconosciuto,
esposto a nord e in vaso. Potete vederlo, stentato, in fondo a destra
nella foto.

Mancavo di pazienza e di cultura. Ad esempio non sapevo che le
radici degli oleandri sono lunghe quanto la loro parte aerea. E
così mi ritrovai letteralmente in una selva oscura, con vasi di
ogni materiale e dimensione allineati lungo il parapetto, del tutto
casualmente, come soldati reclutati a forza. Non ho foto per
testimoniare lo schieramento dell’esercito: sarebbe servito noleggiare
uno speciale grandangolo.

Non c’era più spazio per muoversi; l’acqua non bastava; le
foglie secche e il fango sporcavano il pavimento e cadevano sul
balcone di sotto.

Giunsero infine anche: gli afidi, i ragnetti rossi, il mal bianco e la
ticchiolatura.
Fu quello il momento dell’autocritica: andai in
libreria e comprai la Garzantina dei fiori e del giardino.

La prima stilettata fu questa (pag.589, del Nerium oleander):

“…eccoli, coltivati ad alberello in vasi da limoni, o peggio
ancora su terrazze di ristoranti e di appartamenti; il Nerium sembra
proprio aver abdicato per sempre alla sua dignità.”

L’aggettivo “dignitoso”, riferito all’oleandro, gli conferiva personalità…

Successivamente inciampavo nella definizione di “giardiniere
intelligente”. Ovvio che tanto intelligente non ero, e nemmeno
giardiniera. La Garzantina occupò le mie serate per molti
mesi, fino a distruzione totale (come si può notare dalla foto…)

Più tardi avrei letto, sempre di Pizzetti (“Piante e fiori del
terrazzo”, ed. Sperling 1994, delizioso) che:

“Una cassetta fiorita
non fa terrazzo, e neppure una fila.”

Transitando dal caos alla sperimentazione guidata, sulla base delle
indicazioni raccolte nei libri, spostavo i vasi in un processo di
ottimizzazione. All’uopo acquistai al mercato dei sottovasi con
rotelle.

E intanto apprendevo alcuni concetti basilari:

  • ogni pianta richiede determinate condizioni di esposizione e
    coltivazione;

  • è necessario conoscere le esigenze di una
    pianta PRIMA di acquistarla;

  • gruppi di piante ben accostate sono
    più gradevoli di esemplari isolati;

  • anche negli spazi
    aperti, ivi compresi quelli più piccoli, possono essere
    applicate regole di suddivisione in “stanze”;

  • i vasi sono
    importantissimi.

In una fase intermedia creai tre gruppi: vista-studio, vista-cucina,
vista-soggiorno. Il gruppo “vista-soggiorno” rappresentava
l’aristocrazia, ovvero le piante che potevano godere di più ore
di sole. Là c’erano le rose. Al contrario il gruppo
“vista-studio” era il Bronx, con piante immiserite nell’ombra
più totale. Ci misi irragionevolmente una Peonia arborea,
guardatela là in fondo nella foto, quant’era triste (ancora non
avevo raggiunto la P della Garzantina). La vista-cucina stava nel
mezzo: ci mettevo i pelargoni , le azalee e una Camellia sasanqua.



 

Anno 2000: il terrazzo diviso in gruppi Un posto al sole, Rosa ‘The Fairy’, 2001

Dopo l’eliminazione di molte piante sbagliate, con distribuzione tra
gli amici della CdG (ecco a cosa servono i meeting), finalmente
arrivavo allo step finale: giardino pensile “vista-soggiorno”.

Le piante in toto furono concentrate nell’angolo meno ombroso, e il
resto del terrazzo si liberò. Davanti alla cucina finalmente
vi fu spazio per un piccolo tavolo con sedie, coperto da una semplice
arella. In stile minimal, un giorno appesi là una natura
morta di girasole in vaso (autori Gino e Tazzina).



 

Prospettiva invernale Natura morta di girasole in vaso

Finalmente, avevo anch’io trovato il mio angolo.
Se nel giardino esiste il border, nel terrazzo domina il corner.
Nel mio caso, l’angolo rappresentava il punto più assolato.

Concentrare tutte le piante nell’angolo fu una semplificazione con
molti vantaggi, quali ad esempio: un impianto di irrigazione
localizzato, una minore superficie da pulire, niente balconi
sottostanti, una distribuzione 3D dei vasi (coi brutti dietro e i
belli davanti) e una geometria più armoniosa (piante alte in
seconda fila, piante basse in pole-position, come nelle foto di
gruppo).

Globalmente, l’estetica era più accattivante e il terrazzo
sembrava davvero un giardino. L’angolo aveva magicamente risolto i
problemi, rendendo l’atmosfera più accogliente. Noi
pranzavamo all’aperto, con vista sul corner.



 

Il Corner in primavera (a sinistra) ed in estate (a destra).

Quest’anno le mie piante (escluso l’oleandro) hanno traslocato.
Vederle trasportare col muletto è stata un’esperienza
significativa. Avrei voluto fotografare la rosa rampicante alta 3,5
metri, sospesa in aria sulla piattaforma, ma i graffi sanguinanti sul
braccio di uno dei traslocatori mi hanno frenata.

Abbiamo scritto dei
dolori
del giardiniere
, ma chi scrive dei dolori del traslocatore?


Galleria di immagini

18 pensieri riguardo “Una striscia di terrazzo

  • 11 luglio 2008 in 1:58 PM
    Permalink

    Complimenti sia per il lavoro che per l’articolo. Hai trasmesso anche le tue emozioni.
    Vorrei tanto saper descrivere come te la mia passione.

  • 29 luglio 2008 in 11:41 AM
    Permalink

    complimenti per il risultato ottenuto dopo questi anni di osservazione e piccoli errori che servono a migliorare il nostro pollice verde….io sto combattendo con un terrazzone che prende sole dalla mattina alla sera. ciao!

  • 29 luglio 2008 in 12:25 PM
    Permalink

    Sono esattamente nel mezzo della prima fase. Abbiamo preso una casa con un terrazzo grande un anno fa e sono letteralmente impazzita: fino a ier l’altro avevamo 50 vasi, domenica ho preso il coraggio a due mani e “sfoltito” l’assembramento senza senso.

  • 30 luglio 2008 in 2:58 PM
    Permalink

    Ebbene sì, questo articolo e tutte le sensazioni che trasmette le sto vivendo… ma viste sotto questa ottica mi fanno anche un po’ sorridere. Non c‘è forse dentro di noi la voglia di avere un vero giardino? Ma avere un terrazzo fiorito o adeguatamente “injunglito” non è una meraviglia? Mi armerò della garzantina e proverò a dare una forma alla mia selva!!! Max

  • 8 settembre 2008 in 12:30 PM
    Permalink

    Ciao,
    bellissimo articolo!!! Io sono ancora nella fase di sperimentazione.Per il momento mi limito a raccogliere semi per il mondo ed a vedere cosa accade.
    Una curiosità: che pianta è quella rossa sospesa?
    ciao
    Claudia

  • 9 settembre 2008 in 5:55 PM
    Permalink

    Grazie per i complimenti.
    Non ho capito esattamente quale pianta intendi.
    Se ti riferisci a quella della foto del 2000, si tratta di un Acer palmatum atropurpureum sullo sfondo.
    I fiori rossi invece appartengono ad una rosa rampicante, di cui non ho certezza del nome.

  • 21 ottobre 2008 in 3:56 PM
    Permalink

    Mi è piaciuto molto il tuo articolo, mi ha fatto capire che il tuo impegno ti ha permesso di raggiungere i risultati voluti.
    Io sono alle prese con un terrazzo enorme completamente assolato che mi fa dubitare di riuscire ad ottenere anche solo lontanamente un effetto così ricco e piacevole… nonostante i continui acquisti tutto si disperde nel grande spazio. Accetto umilmente consigli.

  • 7 gennaio 2009 in 2:15 PM
    Permalink

    Ho scoperto da pochissimo questo sito ed ho letto con piacere il suo (ci si parla con il tu ?,non sono pratico di forum o chat ) articolo.Vorrei approfittare della tua esperienza per porti un quesito : ho acquistato un appartamento a napoli con terrazzo ed,ovviamente,vorrei vederlo pieno di fiori.
    Qui nasce il problema,il terrazzino è a nord/est e non riceve sole
    perche’ quest’ultimo è intercettato da un fabbricato adiacente,dunque molta luce e zero sole.
    A parte le acidofile (qualche cognizione…. me la sono fatta) quali sono le piante che in ombra ti sono fiorite ??? Grazie ugo

  • 12 febbraio 2009 in 12:29 PM
    Permalink

    Complimenti, gli sforzi sono sempre premiati, anche io ho un terrazzo a nor ovest e dopo tanti anni non ne sono venuta a capo, mi sono immedesimata tanto nel tuo racconto e in un certo senso mi dispiace che io ancora non ne sono stata capace anche studiando tanto.Il mio è un problema più ampio, poco sole d’inverno e gran freddo e d’estate l’esatto contrario, sol leone che brucia tutto perchè il sole del pomerigigo lo prende in pieno – Sto ancora sperimentando piante che se resistono d’estate, poi d’inverno muoiono oppure ho piante bellissime d’estate ma poi d’inverno il terrazzo è spoglio perchè le piante tutte a riposo. Un rompicapo

    Beata te che hi risolto alla grandee!!! Ancora complimenti

  • 15 marzo 2009 in 12:01 AM
    Permalink

    Bello il racconto sull’esperienza di organizzare un giardino sul terrazzo.
    Io ho un giardino, dopo anni, ancora non sono riuscita ad “ARREDARLO” come vorrei anche se gli amici, specialmente d’estate, lo trovano molto bello e curato.
    Spesso gli “intenditori” ti indirizzano in maniera sbagliata. L’esperienza si acquisisce pian pianino perché è necessario comprendere che tipo di pianta è più gradita al terreno, all’esposizione, alle variazioni di clima del posto (io abito sul lago di Bracciano, un po’ in collina. Piante che in paese fioriscono a marzo aprile, a casa mia incominciano la fioritura a maggio e oltre).
    Mi è capitato innumerevoli volte di dover rinunciare ad una pianta perché dopo un paio d’anni si mostrava sofferente.
    Ora sto cercando un albero da sistemare in un angolo del giardino vicino alla piscina, lo vorrei ombroso, che non sporchi e che almeno fino al mese di settembre mantenga il fogliame. Inoltre non dovrebbe sviluppare più di4/5 m. e non avere radici troppo invadenti. Esposizione sole. Apprezzerei dei suggerimenti. Grazie. Carla

  • 15 marzo 2009 in 9:59 PM
    Permalink

    semplicemente complimenti lucia!!!!ti invidio (nel seso buono) per il coraggio e l’impegno!anch’io ho il terrazzo lungo 30 metri e largo 4,5 che è sicuramente comodo ma difficilissimo sia da gestire che da riempire.cmq prenderò spuntoo da te!!!

  • 17 marzo 2009 in 5:31 PM
    Permalink

    Ciao lucia,
    sei una fotoreporter nata! hai descritto benissimo la tua esperienza, che è quella di molti, ed è anche la mia.. trasferita al nord da tre anni, provo a gestire una loggia in angolo che affaccia a sud ed ovest… caldo e vento regnano sovrani e la gran parte delle essenze soccombe… ma non demordo! prima o poi troverò le piante giuste!
    Felice giornata! RO
    P.S. si accettano suggerimenti…. 🙂

  • 13 maggio 2009 in 2:12 PM
    Permalink

    Ho sorriso! Per l’articolo tuo, Lucia, molto coinvolgente e per i commenti. Confesso, anche io sono alle prese con un terrazzo lungo e stretto, esposto a nord. E con un oleandro, striminzito, che ogni anno mi regala comunque dei bei fiori color pesca.
    baci&fiori a tutti
    si.

  • 22 maggio 2009 in 9:27 AM
    Permalink

    Ciao Lucia! Anche a me é piaciuto il tuo racconto, e anche io in un certo senso mi sono immedesimata in quello che hai scritto, seppur il mio di terrazzo é piccolissimo ed esposto a sud, ma la poca esperienza ci rende tutti uguali! Sicuramente il tuo esempio mi darà il coraggio di creare qualcosa di sognante come hai fatto tu.
    Saluti a tutti

  • 10 settembre 2009 in 3:06 PM
    Permalink

    Grazie Lucia.
    Il tuo articolo l’ho letto nel mese di marzo 2009, quando sono andata ad abitare con il mio ragazzo in un appartamento, a Padova
    Io, nata e cresciuta in mezzo al verde dei Colli Euganei, mi ritrovavo in un appartamento, grande si, ma con una sola terrazza di circa 1 metro e mezzo per 5 metri…
    E mi sono ritrovata nel tuo articolo…Anch’io mi stavo per far prendere dalla corsa matta e sfrenata al riempire di verde, qualsiasi verde, quella terrazza.
    Poi ti ho letta…ed allora ho cominciato a studiare un po’, a vedere quali piante, in quella terrazza…
    Ed ho compratto Pizzetti ( la garzantina non ancora).
    Grazie, per quel racconto.
    Grazie anche a quel racconto, adoro pensare a cosa mettere…leggere, rimanere seduta in quel piccolo terrazzo…e progettare..

  • 31 agosto 2010 in 5:18 PM
    Permalink

    Ciao, grazie molto piacevole. Ho subito cercato il testo di Pizzetti (Piante e fiori del terrazzo), ma è fuori commercio. Credi ci sia il modo di condividere la risorsa? grazie.

Lascia un commento