rododendro con foglie che si accartocciano e poi cadono

parliamo delle nostre piante: di come riconoscerle, coltivarle, etc....

Messaggioda JON » sabato 14 gennaio 2012, 18:53

Grazie per il consiglio.
Il misuratore l'ho comprato, quindi vedo se riesco a trovare zolfo o sequestrene? ne basta uno dei due? si sciolgono in acqua?
JON
 
Messaggi: 1029
Iscritto il: domenica 18 aprile 2010, 21:08
Località: Cosenza - USDA 8b - 300 m s.l.m.

Messaggioda alex66 » sabato 14 gennaio 2012, 19:35

lo zolfo io lo ho sempre trovato cristallizzato da distribuire a spaglio ;il sequestrene e' in microgranuli da dilliuire in acqua rispetta le dosi mi raccomando!!se fai seguire un pacciamatura con corteccia o pigne o foglie di pino o di castagno il ph acid si mantiene piu a lungo..
alex66
 
Messaggi: 5275
Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 22:09
Località: Roma nord usda zone 9/b-nel www sotto tutto il mondo acero!informatevi sull'xeriscaping!

Re:

Messaggioda JON » domenica 26 febbraio 2012, 16:52

alex66 ha scritto:lo zolfo io lo ho sempre trovato cristallizzato da distribuire a spaglio ;il sequestrene e' in microgranuli da dilliuire in acqua rispetta le dosi mi raccomando!!se fai seguire un pacciamatura con corteccia o pigne o foglie di pino o di castagno il ph acid si mantiene piu a lungo..



Ok, userò il sottobosco dei castagni.
Desideravo chiedervi un parere sui Rododendri, ma in che misura riescono a tollerare il sole diretto? vorrei piantarne alcuni in piena terra ma non ho punti in ombra totale per l'estate . Potrei piantare degli alberi in modo da creargli l'ombra però ci vogliono alcuni anni prima di formare una chioma grande per far ombra ad eventuali piante sottostanti. Che ne dite se nel frattempo li proteggo dal sole con qualche telo tipo quelli verdi sintetici?
In estate in piena terra con che frequenza media dovrei annaffiarli?
JON
 
Messaggi: 1029
Iscritto il: domenica 18 aprile 2010, 21:08
Località: Cosenza - USDA 8b - 300 m s.l.m.

Re: rododendro con foglie che si accartocciano e poi cadono

Messaggioda alex66 » domenica 26 febbraio 2012, 19:27

guarda per la mia esperienza diretta le betulle e i rododendri sono le piante piu difficili!!si seccano facilmente ,vengono bene infatti in UK intorno ai laghi,ma caparbiamente ne coltivo uno variegato e due betulle;molto dipende dal corretto trapianto ,in genere i rodo sono moltoo pompati e tarati a fiorire nel mese giusto quindi sviluppano un apparato radicale molto fitto ed attorcigliato che ne pregiudica la messa a dimora in piena terra --allora dopo che hanno fiorito li tiri fuori dal vaso e con un coltello ben affilato tagli le radici ed ossiggeni bene,si insomma le diradi bene e poi le poi mettendolo in terra stai attento a distenderle bene io ho usato il soltio mix per riempire la buca ossia letame ,terriccio acido o torba acida e sabbia nera in percentuale 15 % 70% 15% :) l'expo migliore è sole al mattino ombra il pomeriggio ,in attesa che cresca un albero a creare la condizione giusta consiglio di ombreggiarli con le cannuccie perchè il telo fa effetto vela ed il vento lo scompiglia facilmente..
alex66
 
Messaggi: 5275
Iscritto il: mercoledì 1 agosto 2007, 22:09
Località: Roma nord usda zone 9/b-nel www sotto tutto il mondo acero!informatevi sull'xeriscaping!

Re: rododendro con foglie che si accartocciano e poi cadono

Messaggioda CopelandCourt » lunedì 27 febbraio 2012, 16:15

Qui, in collina circondati da boschi, a 500mt con inverni freddi (fino a -15°C) ed estati a 33°C in pieno sole è quasi impossibile. I rhodo sono piante da sottobosco oppure da ambienti con un alto livello di umidità nell'aria (come i loro luoghi di origine). Da noi crescono molto bene in un grande anfiteatro naturale sotto alte querce ( le cui radici non sono in competizione con quelle dei rhodo) che filtrano il sole diretto. Molto peggio sotto piante (come gli ontani) le cui radici fanno un fitto capillizio.
Quindi la scelta degli alberi ombreggianti deve essere molto attenta. Dice bene Alex di aprire con attenzione il pane di radici, ma ricorda di tenere sempre il colletto, all'impianto, sopra il piano di campagna. Circa la copertura con ombreggianti e simili la sconsiglio perché in estate forma delle cappe di calore che contribuiscono allo sviluppo delle patologie più pericolose per i rhodo (phytophthora etc.).
Insomma a meno che tu viva in zone con microclima particolare (tipo UK o Lago Maggiore) sconsiglierei vivamente di tentare l'impianto in pieno sole. Comunque periodi siccitosi anche in UK inducono un notevole deperimento nei rhodo esposti in pieno sole come ho potuto verificare visitando per molti anni consecutivi molti giardini inglesi e scozzesi di rhodo tra i quali Royal Botanic Garden di Edimburgo e Exbury Garden (all'estremo sud). Anche se in verità quelli della famiglia neriflorum o gli haematodes (con foglie molto coriacee e fiori rossi cerosi) vengono tradizionalmente impiantati in zone più assolate ( ma sono praticamente introvabili nei canali di vendita dei rhodo).
Per la frequenza delle annaffiature nessuno potrà darti indicazioni se non l'esperienza, diciamo dovrai mantenere il terreno moderatamente umido.
Comunque, quello dei rhodo è un mondo incredibile, per dimensione e forma delle foglie, per colori, forme e dimensioni dei fiori per portamento e dimensioni delle piante. Insomma i rhodo non sono solo quelli dei vivai e dei garden center. Sforzati di trovare loro il posto adatto e ti ripagheranno negli anni.
CopelandCourt
 
Messaggi: 40
Iscritto il: venerdì 18 gennaio 2008, 15:05
Località: Casentino Toscana 500mt. s.l.m.

Re: rododendro con foglie che si accartocciano e poi cadono

Messaggioda JON » lunedì 27 febbraio 2012, 18:24

Vi ringrazio per i consigli, allora per ora li terrò in vaso rinvasandoli solamente poichè il vaso in cui stanno non è molto grande, nel frattempo pianterò qualche albero e poi solo quando daranno ombra completa proverò a piantare i rododendri. Per ora magari provo a piantarne uno sotto la quercia, giusto per vedere come si comporta nella mia zona sotto un albero del genere.
JON
 
Messaggi: 1029
Iscritto il: domenica 18 aprile 2010, 21:08
Località: Cosenza - USDA 8b - 300 m s.l.m.

Re: rododendro con foglie che si accartocciano e poi cadono

Messaggioda michael » lunedì 27 febbraio 2012, 20:23

Ciao!
L'anno scorso il mio rododendro presentava lo stesso problema ma solo su di un ramo e pensai ci fosse qualche problema. Poi ho beccato il mio labrador che ci faceva la pipì a ripetizione e l'ho spostato. Le foglie maculate sono rimaste sul ramo fino a quando mi sono decisa a toglierle. Quest'anno ha sofferto molto. Le foglie sembrano disidratate anche se ha molti boccioli. Forse gli ho fatto mancare acqua per timore che gelasse (le temperature erano abbondantemente sotto zero). Grattando il tronco principale compare il verde e ne deduco che morto non è. Ora vedo come si comporta. Al limite, dopo la fioritura (se fiorirà), lo poterò drasticamente. :)
michael
 
Messaggi: 50
Iscritto il: domenica 22 gennaio 2012, 21:26
Località: provincia di Gorizia

Precedente

Torna a giardinando

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite