vorrei farmi una "farmacia" in casa

il forum delle "erbe"

vorrei farmi una "farmacia" in casa

Messaggioda mariepierre » giovedì 9 novembre 2006, 17:01

cioè piantare o comprare le erbe considerate curative. Problema, non so quali erbe sono curative e men che meno come si coltivano. Mi date una manina? :lol:

ciau

marie
mariepierre
 
Messaggi: 60
Iscritto il: mercoledì 26 aprile 2006, 22:57

Messaggioda Kookaburra » giovedì 9 novembre 2006, 19:43

Provo a darti una maninainaina, libro sulle piante medicinali sotto mano!! Innanzitutto, quelle che ti dico sono da tenere sul balcone fuori, non in casa. Faccio una selezione sommaria su piante che siano piccole, utili per divesi mali e belline. Sempre molta attenzione all'uso casalingo delle piante spontanee, alcune nascondono pericoli inattesi, non si è mai troppo informati!!
Achillea millefolium
Agrimonia eupatoria
Alchemilla vulgaris
Althaea officinalis
Asperula odorata
Stachys officinalis
Borago officinalis
Matricaria chamomilla
Geum urbanum
Daucus carota
Nepeta cataria
Cichorium intybus
Equisetum arvense
Glechoma hederacea
Inula helenium
Sedum telephium
Geranium robertianum
Tussilago farfara
Foeniculum vulgaris
Centaurea cyanus
Hypericum perforatum
Hyssopus officinalis
Malva silvestris
Melissa officinalis
Calamintha officinalis
Chrysanthemum parthenium
Sanguisorba officinalis
Pulmonaria officinalis
Primula veris
Rosa canina (arbusto)
Sempervivum tectorum
Valeriana officinalis
Verbena officinalis

Poi ci sono l'aglio, la calendula, la cipolla, portulaca oleracea, aggiungici tutte le aromatiche, che di proprietà ne hanno un sacco, così come molti ortaggi!!
Ti consiglio di comprare un buon libro sul tema, che ti spieghi come usare le piante officinali e metta in guardia sui potenziali pericoli (!!!!), la tua scelta sarà anche in base a quali malanni vorrai curare con le piante.
Kookaburra
 
Messaggi: 412
Iscritto il: domenica 8 ottobre 2006, 13:42
Località: prov. Torino

Messaggioda Genepy82 » giovedì 9 novembre 2006, 19:47

ma dai kooka, alla fine potevi dire anche il libro che hai sotto mano, suvvia, non fare il timido, dicci, dicci... 8)
Genepy82
 
Messaggi: 2082
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2006, 14:01
Località: Cuneo, ma in provincia

Messaggioda Kookaburra » giovedì 9 novembre 2006, 19:52

Avevo paura di fare pubblicità, non si sa mai che non sia gradita!!

"SEGRETI E VIRTù DELLE PIANTE MEDICINALI"
Edizioni di Selezione dal Reader's Digest - Milano

Molto bello, ben illustrato, ricco. Certo comunque non è sufficiente per diventare erboristi, il fai da te va bene, ma un limite c'è!!
Kookaburra
 
Messaggi: 412
Iscritto il: domenica 8 ottobre 2006, 13:42
Località: prov. Torino

Messaggioda mariepierre » venerdì 10 novembre 2006, 16:15

Grazie amici, ottimo aiuto. La mia mamma è brava in queste cose, ma non coltiva le piante, le raccoglieva nel bosco e poi preparava intrugli (adesso si è un pò rotta). Unirò tutti i consigli e vediamo i disastri che riesco a combinare

ciao! :D
mariepierre
 
Messaggi: 60
Iscritto il: mercoledì 26 aprile 2006, 22:57

Messaggioda Vitalba » venerdì 10 novembre 2006, 17:55

Mariepierre, anche la mia mamma faceva queste cose... ti trasmetto una sua massima: "tutto quello che può far bene può fare anche male".
Probabilmente lo sai benissimo, ma il mondo vegetale è pieno di piante tossiche e velenose... la grande maggioranza delle piante "curative" dei secoli passati è stata abbandonata perché risolveva i malanni in modo troppo drastico, con la morte del paziente (vedi la digitale, ma anche l'elleboro che veniva usato mi pare come vermifugo).
Dosare i principi attivi non è sempre facile...
Vitalba
 
Messaggi: 5063
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 15:16
Località: Venezia (bosco sulle colline di Vicenza, 150 mt. s.l.m.)

Messaggioda smillasnow » mercoledì 15 novembre 2006, 18:43

non sono un'esperta ma ho lavorato x poco in una mostra di piante officinali e aggiungo:
Crataegus monogyna(biancospino, bell' alberello profumato, si fanno tisane rilassanti)
Taraxacum officinalis(il dente di loene, in insalata e come depurativo)
Tilia (tiglio, anche questo albero piuttosto grande, se secchi i fiori ci fai la tisana della sera)

smilla
smillasnow
 
Messaggi: 92
Iscritto il: giovedì 4 maggio 2006, 10:13
Località: udine

ATTENZIONE!

Messaggioda Pimentum » sabato 18 novembre 2006, 0:57

Concordo sul fatto che bisogna fare attenzioni alle piante officinali e soprattutto a dare consigli in questo campo. Non dimentichiamo che la concentrazione di principi attivi cambia in base al periodo di raccolta, il grado di essiccazione e la parte della pianta utilizzata, tanto che a volte in piante di cui si usa tranquillamente la radice, una foglia può risultare letale.. a tal riguardo vorrei spendere due parole sul Biancospino che è stato consigliato da smillasnow
Crataegus monogyna(biancospino, bell' alberello profumato, si fanno tisane rilassanti)
ATTENZIONE il biancospino è assai pericoloso poichè può provocare in persone particolarmente sensibili problemi cardiaci!! questo assolutamente non per criticare smillasnow! solo per pregare di fare più attenzione a ciò che si scrive. La medicina Erboristica sebbene non riconosciuta dalla farmacopea italiana, è ritenuta valida allo stesso modo della farmacopea tradizionale in paesi come UK, Francia e Giappone, dove viene praticata da medici SPECIALIZZATI. :o
Altro dato importante, ma relativo SOLO alle città è il carico di inquinanti (metalli pesanti). Molte piante sono "spugne" che facilmente assorbono i depositi di metalli pesanti provenienti dagli scarichi cittadini e...non credo sia molto salutare una tisana di Alchemilla con monossido di Pb...
Se si vuole creare una piccola farmacia nel giardino di casa è meglio scegliere piante "sicure" anche facendosi consigliare da un botanico o ancora meglio un farmacista specialista in piante officinali. Una buona fonte PER COMINCIARE a capirne un pò di più potrebbe essere il sito
http://www.farmacovigilanza.org/ alla voce fitovigilanza.
Ciao
Matteo
Pimentum
 
Messaggi: 4
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2006, 15:58

Messaggioda mariepierre » sabato 18 novembre 2006, 18:14

grazie per le dritte, sono utilissime! :D
mariepierre
 
Messaggi: 60
Iscritto il: mercoledì 26 aprile 2006, 22:57

Messaggioda polarsun » giovedì 23 novembre 2006, 12:59

mi unisco al coro di prudenza; più fa bene e più può fare male (se non si conoscono dosi, effetti, ecc. e cioè sempre tranne che per un tossicologo o anche un frate di altri tempi)

comunque mi unisco anche alle dritte; una volta x recuperare un micetto che era andato su un pino l'ho fatto scendere mettendo un secchiello colorato in cima alla zappetta e seguendolo in seguito mi sono fatto male con la ringhiera al polso a furia di scavalcare; dopo una spruzzata di aceto diluito (disinfettante d'urto!!) e un impacco di ortica e paretaria ha rimarginato bene, è praticamente invisibile la raschiata che avevo dato

inoltre se macinate un poco di prezzemolo (sminuzzandolo con il coltello o il taglierino a mezzaluna, NON con il frullatore), lasciate nell'olio per un po' di giorni e poi filtrate, eventualmente unendo a un POCO di crema, fate un ottimo antidoto contro le punture (zanzare, ma avevo letto originariam che il prezzemolo fresco annullava la puntura di vespa); se lo fate bene funziona, parola mia. a chi l'ho dato dicono che le allontana anche le zanzare, ma essendo oleosa io non la uso a quello scopo x non sporcare i vestiti

sta storia del prezzemolo è nota ma non si trova facilmente, mi pare un principio un po' trascurato

polar
polarsun
 
Messaggi: 1544
Iscritto il: venerdì 8 settembre 2006, 16:14
Località: Roma


Torna a prati ornamentali e vegetazione spontanea

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite