Come si innestano gli alberi da frutto?

parliamo delle nostre piante: di come riconoscerle, coltivarle, etc....

Come si innestano gli alberi da frutto?

Messaggioda Vitalba » venerdì 24 novembre 2006, 0:02

Nella fattispecie vorremmo innestare un fico che fa fichi orribili e un portainnesti del caco, in modo che facciano frutti migliori.

A me pare di sapere che una pianta grande non la si può innestare. Me lo confermate?
E nel caso si debba innestare una pianta piccola... non conviene comprarla già innestata? E' facile farlo?

Inoltre: se si pianta un giovane alberello innestato vicino a un robusto portainnesti selvatico già sviluppato, con l'idea che quando il primo è abbstanza grande si taglia il secondo e non si resta mai senza albero in quel punto... non succede piuttosto che l'alberello innestato non ha risorse perché se le pappa l'altro?

In altre parole: se si vuole un albero fruttifero al posto di un albero selvatico, no bisogna *prima* abbattere il selvatico e *poi* piantare quello buono?

Scusate questo post demente: ma ho bisogno del vostro supporto cultu-colturale. A me pare di sapere delle cose... ma non ne sono tanto sicura.
Vitalba
 
Messaggi: 5063
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 15:16
Località: Venezia (bosco sulle colline di Vicenza, 150 mt. s.l.m.)

Messaggioda caprettetibetane » venerdì 24 novembre 2006, 0:10

Se si tratta di un albero sano conviene innestarlo, magari tagliandolo ad una certa altezza ed innestare i rami che si svilupperanno.

Nel caso si possono innestare diverse varietà sui rami, poi mantenere quelle migliori.

Se invece si vuole mettere una pianta giovane già innestata bisogna lavorare parecchio per eliminare bene le radici della pianta vecchia, che possono essere attaccate da qualche fungo parassita.

Paolo
caprettetibetane
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: domenica 10 settembre 2006, 1:07
Località: Alassio SV

Messaggioda Vitalba » venerdì 24 novembre 2006, 0:19

Gli alberi sono fin troppo sani.
Hanno un diametro di circa 15 cm (o più).
Quanto è "una certa altezza"? 10cm, 1 metro?

Si sega di netto? Si fa una specie di capitozzatura?

Parlando di un albero alla volta (il fico) già gli abbiamo segato un po' di tronchi secondari domenica (facevano troppo ombra alla casa ed entravano dalle finestre). Aspettiamo che ricaccino questi? o bisogna tagliare il tronco principale o tutti (ce ne sono ancora due o tre)?

E, ammesso di trovare le marze giuste, come si fa, tecnicamente, a convincerle ad attaccarsi ai rametti del portainnesto?

Grazie
Vitalba
 
Messaggi: 5063
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 15:16
Località: Venezia (bosco sulle colline di Vicenza, 150 mt. s.l.m.)

Messaggioda Vitalba » venerdì 24 novembre 2006, 0:24

Ecco: ho trovato una foto.

Immagine

Il fico è quello più vicino alla casa (nella foto c'è un po' di confusione con altre fronde in primo piano).
I tronchi laterali sono stati, come dicevo, molto ridotti. Ora ce ne sono solo un paio, se non ricordo male
Vitalba
 
Messaggi: 5063
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 15:16
Località: Venezia (bosco sulle colline di Vicenza, 150 mt. s.l.m.)

Messaggioda caprettetibetane » venerdì 24 novembre 2006, 0:30

Come altezza intendo quella a cui si vogliono avere i rami, il fico poi non patisce.

per l'innesto conviene farlo a corona o a spacco, io preferisco farlo a corona. Non è facile spiegarne la tecnica ma ci sono fior di libri con disegni e foto sull'argomento, l'importante è il contatto tra il cambio dei due soggetti (il cambio è il tessuto che si accresce tra legno e corteccia).

Paolo
caprettetibetane
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: domenica 10 settembre 2006, 1:07
Località: Alassio SV

Messaggioda zyo » venerdì 24 novembre 2006, 0:35

A giudicare dalla foto quei polloni di fico sono ottimi per l'innesto. Come ti dicevano puoi provare ad innestare un pollone con una varietà e un altro con un'altra in modo da avere produzioni differenziate e prolungate.
Nei primi anni però dovrai fare attenzione a tagliare sempre tutti i nuovi getti che escono dal terreno e che inevitabilmente tolgono energia al tuo innesto.
In quanto all'ipotesi di eliminare il fico, vista anche l'inesistente distanza dal muro di casa, penso che ci sia poco da fare. Ci vorrebbe un lavoretto a base di tagli e diserbante, ma comunque il terreno rimarrebbe infestato di radici!

La tecnica dell'innesto a spacco (adatta a quella sezione di rami) si può anche spiegare, ma se non vedi uno che la mette in pratica di fronte a te rischi solo di fare danni.
Ciao ciao.
Ste'
Ultima modifica di zyo il venerdì 24 novembre 2006, 0:36, modificato 1 volta in totale.
zyo
 
Messaggi: 244
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2006, 22:10
Località: Fabriano

Messaggioda Vitalba » venerdì 24 novembre 2006, 0:36

Paolo: su ibs ho trovato <a href="http://www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?shop=1&c=PPPGKFY1TDDPP" target="_blank">Gli innesti. Le tecniche, l'attrezzatura, la propagazione, le condizioni per l'attecchimento</a>.
Lo conosci?

Ne hai di migliori da suggerire?
Ultima modifica di Vitalba il venerdì 24 novembre 2006, 0:46, modificato 1 volta in totale.
Vitalba
 
Messaggi: 5063
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 15:16
Località: Venezia (bosco sulle colline di Vicenza, 150 mt. s.l.m.)

Messaggioda Lilio apulo » venerdì 24 novembre 2006, 0:39

il kaki lo innesti a fine febbraio in base al clima, a spacco. Il fico non si innesta a spacco, ma a gemma anzi a pezza, vegetante a fine giugno o dormiente da fine agosto.
Lilio apulo
 
Messaggi: 5794
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2006, 15:16
Località: Bisceglie BT

Messaggioda Vitalba » venerdì 24 novembre 2006, 0:45

Ste'... spiega piano come a un deficiente.

Devo aspettare che i polloni ricaccino, oppure devo farlo su quelli ancora non tagliati?
Il tronco centrale lo lascio?

Inoltre: dici che dal libro non si può imparare?

... quanto a levare l'albero, lo dicevo solo in via teorica, ma in questo caso proprio non si può fare: è in simbiosi con un muretto che tiene la stradina e protegge un punto-acqua proprio lì sotto...

Lilio... grazie: quindi ho tempo almeno fino a febbraio per studiarmi questo libro (o altro che vi sembri più adeguato).
Vitalba
 
Messaggi: 5063
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 15:16
Località: Venezia (bosco sulle colline di Vicenza, 150 mt. s.l.m.)

Messaggioda Lilio apulo » venerdì 24 novembre 2006, 0:48

del fico puoi innestare il tronco centrale sulle branche, mò ho sonno ti spiego domani perchè è un pò lunghetto
Lilio apulo
 
Messaggi: 5794
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2006, 15:16
Località: Bisceglie BT

Messaggioda Vitalba » venerdì 24 novembre 2006, 1:01

Grazie Angelo... nel frattempo ho trovato una voce sull'<a href="http://it.wikipedia.org/wiki/Innesto" target="_blank">innesto</a> su Wikipedia.
Col conforto di tutta questa assitenza posso smettere di preoccuparmi e finire il lavoro per cui sarei al computer :D
Vitalba
 
Messaggi: 5063
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 15:16
Località: Venezia (bosco sulle colline di Vicenza, 150 mt. s.l.m.)

Messaggioda Lilio apulo » venerdì 24 novembre 2006, 10:14

allora, ho visto la foto del fico. Forse ti conviene proprio abbattere il centrale, ma può essere innestato lo stesso, solo che lo vedo molto scomodo. La tecnica per il fico è detta innesto a pezza, gli innesti a legno (spacchi vari) sul fico non vengono bene perchè ha un legno non idoneo.
puoi innestare qualsiasi diametro. Però dalla foto è meglio se innesti i polloni basali e successivamente lo coltivi come cespuglio a più tronchi
Qui ho trovato dei disegni decenti
Tipi di innesti
Per quei polloni puoi usare anche un'innesto a gemma, togliendo il legno sotto lo scudetto (al fico si stacca praticamente da solo). Quando fai i tagli, munisciti di uno straccio umido, per pulire dal lattice. Anzi fai prima le incisioni e lasciale colare, poi continua dopo un 10 minuti.
per i kaki, a spacco, se hai dei tronchi sui5cm è perfetto. Il kaki è uno dei pochissimi casi in cui non si può innestare a gemma
Lilio apulo
 
Messaggi: 5794
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2006, 15:16
Località: Bisceglie BT

Messaggioda Vitalba » venerdì 24 novembre 2006, 10:26

Grazie Angelo: molto illuminante
Vitalba
 
Messaggi: 5063
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 15:16
Località: Venezia (bosco sulle colline di Vicenza, 150 mt. s.l.m.)

Messaggioda MorrisNoor » venerdì 24 novembre 2006, 10:35

...per dovere di cronaca :wink: tutto il testo e le immagini di quell'articolo sono tratti paro-paro (senza che ci sia scritto da nessuna parte, mi sembra :evil: ) dal bel libro di Fausta Mainardi Fazio - "Guida Illustrata alla Potatura ed agli Innesti" - De Vecchi Editore :wink:
MorrisNoor
 
Messaggi: 5106
Iscritto il: martedì 4 aprile 2006, 22:28
Località: Cagliari, Telti

Messaggioda Vitalba » venerdì 24 novembre 2006, 10:42

E allora, per riparare almeno qui, inseriamo il link alla <a href="http://www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?shop=1&c=IIIGKFGY9STII" target="_blank">pagina di acquisto</a> del libro in questione
Vitalba
 
Messaggi: 5063
Iscritto il: giovedì 5 ottobre 2006, 15:16
Località: Venezia (bosco sulle colline di Vicenza, 150 mt. s.l.m.)

Messaggioda greenfinger » sabato 31 marzo 2007, 19:47

Immagine


L'altro giorno in piena luna crescente ho provato questo innesto a spacco su un ciliegio selvatico.
Tempo fa avevo prelevato delle marze e sistemate in un luogo a nord.
Sono curioso di vedere i risultati! :joke:
greenfinger
 
Messaggi: 19
Iscritto il: sabato 31 marzo 2007, 12:30
Località: Udine

innesti

Messaggioda tere » sabato 31 marzo 2007, 20:04

greenfinger togli subito quel piccolo ramo che hai lasciato del ciliegio selvatico altrimenti le marze non prendono e non lasciare che altre del selvatico si sviluppino
Vitalba a mio avviso il fico è piacevole così com'è sempre che produca fichi.
ti insegno quelli a spacco e a corona se vuoi quando vengo anche se a mio avviso siamo avanti con la stagione.
lilo io li eseguo appena si muovono le gemme, secondo te in aprile si possono ancora eseguire o è meglio qualche altro sistema tipo a scudetto?
tere
 
Messaggi: 1298
Iscritto il: martedì 6 febbraio 2007, 20:33
Località: vicenza

Re: innesti

Messaggioda greenfinger » domenica 1 aprile 2007, 0:59

tere ha scritto:greenfinger togli subito quel piccolo ramo che hai lasciato del ciliegio selvatico altrimenti le marze non prendono e non lasciare che altre del selvatico si sviluppino


Grazie del consiglio, pensa che l'avevo lasciato a bell'apposta pensando di favorire l'afflusso di linfa! Domattina lo taglio. Ti farò sapere!

P. S.
Sai fare l'innesto a scudetto? Qual'è il periodo migliore per la sua esecuzione?
greenfinger
 
Messaggi: 19
Iscritto il: sabato 31 marzo 2007, 12:30
Località: Udine

'innesto a scudetto

Messaggioda tere » domenica 1 aprile 2007, 17:27

non ho mai fatto innesti a scudetto ma so che nel caso in cui si faccia l'innesto in primavera dovranno essere utilizzate delle gemme raccolte nell'autunno precedente e opportunamente conservate
so che se la pianta è troppo in succhio non va bene perchè la gemma affoga senza riuscire a cicatrizzare i tessuti ma sinceramente a scudetto non li ho mai fatti.
faccio quelli a corona o a spacco o all'inglese che sono simili a quelli che fai tu senza però usare il mastice perchè a mio avviso.. ripeto a mio avviso il mastice ha una dilatazione diversa dal legno e quando lo usavo mi si infilavano sotto vari insetti.
uso la sabbia avvolta da plastica in quelli a spacco e a corona, in quelli all'inglese uso del nastro isolante per elettricisti che lego stretto e tolgo a fine estate
per lo scudetto forse lilo ci può aiutare
tere
 
Messaggi: 1298
Iscritto il: martedì 6 febbraio 2007, 20:33
Località: vicenza

Messaggioda greenfinger » domenica 1 aprile 2007, 17:49

Non avevo pensato al nastro isolante, è una buona idea. Non ho mai eseguito innesti a corona, sono difficili?
greenfinger
 
Messaggi: 19
Iscritto il: sabato 31 marzo 2007, 12:30
Località: Udine

Prossimo

Torna a giardinando

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti